Intellettualoidi di tutto il mondo…

Standard
… andate un po’ a cagare!
Questo è il senso di alcuni articoli di Stefano Salis, apparsi sul «Sole 24 Ore Domenicale» contro i falsi dotti, oggetto di un recente libro (peraltro disprezzatissimo da Salis) di Corinne Maier.
Scrive Luciano di Samosata nel suo A un bibliomane ignorante: «Tu credi di poter sembrare un uomo colto facendo prontamente incetta dei libri migliori, ma questo tuo zelo ti danneggia e diventa, in un certo senso, la prova della tua ignoranza». E poi: «Se acquistare libri rendesse colto chi li possiede, possederli sarebbe cosa preziosissima e riservata solo a voi ricchi». Salis commenta (6 maggio 2007) che «se l’autore greco potesse vedere un moderno salotto letterario, per molti versi non troverebbe invecchiato il suo pamphlet.»
E insiste (25 febbraio 2007): «Manganelli spiegava che “lettore di professione è in primo luogo chi sa quali libri non leggere; è colui che sa dire, come scrisse una volta mirabilmente Scheiwiller, non l’ho letto e non mi piace.”» Conclude l’asperrimo Salis: «Diffidate di chi parla dei libri solo per farvi vedere quanto ne sa. Non ha capito nulla di come funziona l’emozione della lettura.»
Sottoscrivo!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...