Anglomania – parte II

Standard
Dopo alcuni mesi, ho ritrovato una poesiola che Mario Barenghi ha spedito a Bartezzaghi, il quale ne ha pubblicato un estratto su "Repubblica" del 5 agosto 2007. La voilà:
 
"… c’è il fund-raiser dentro il bunker,
molti mixer, troppi mister,
più decoder che pullover,
e gameover, stop, reboot;
 
c’è il caregiver con le cover
e il dispenser di spinnaker;
ma nessun golden retriever
ha la fiasca con il rum;
 
c’è lo hacker con lo shaker
che col toner sporca il boiler,
e c’è il pusher che dal corner
sintonizza la tivù
 
con i trailer dei blockbuster,
rapper, speaker, leader, bomber
e magari Jack the Ripper
ne squartasse one or two…"

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...