Per concludere (spero)

Standard
Naturalmente intendevo: chiudere dicembre con le mie paranoie, non chiudere il blog!
Per una porta che si chiude si aprirà il proverbiale portone? Mah, lo spero… Intanto, ammorbo un altro po’ con dei testi depressi, e questa è la volta di Cuore di cemento dei Negrita (da Reset, 1998):
 
Mi serve troppo perdermi per starmene con me
Che il tempo porti polvere che il vento piano spazzerà
Ricordami di ridere di un altro dei miei debiti
Ma quanto devi correre per stare a tempo dietro a me

Io vivo in un satellite che gira assai lontano
ma addosso ho troppa ruggine
per ritornare in fretta a terra qui da te

Sparami, mira al centro
fallo a tradimento
che il mio cuore è di cemento
e un colpo solo non lo sento
!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...