Il diritto all’oblio

Standard

Nel Codice deontologico per la ricerca storica – scopro, studiando il Manuale di archivistica Carucci-Guercio – esiste una tutela che si chiama “diritto all’oblio”. Per me si apre uno squarcio pieno di suggestioni, relative alla volontà di andare avanti, al desiderio di dimenticare ma soprattutto al diritto di essere dimenticati – mentre il desiderio più diffuso è quello di essere ricordati, di continuare a significare al di là del tempo.
Quindi forse non è casuale che in questi giorni mi sia riesploso il ricordo di una canzone del 2004, che l’autore Gianni Maroccolo fece cantare da Cristina Donà: Meloria’s Ballad.

Ogni ricordo traccia una via che scava nel tempo
A volte rinasce, a volte è un leggero tormento
Ma il tuo ricordo resterà qui
Come un brivido immenso
La pioggia come sempre cade
E io indosso un vestito diverso

Ogni parola traccia una via che spacca il silenzio
Milioni di frasi non dette ritornano adesso
Ma so che non potranno mai descrivere la gioia di questo
Mio modo di pensarti vicino
Al vuoto che sento

Ogni tuo ricordo è come un brivido adesso…

Il tuo sorriso traccia una via
che seguirò presto,
incontrerò strade
e spazi che fanno spavento,
ma il tuo ricordo resterà qui
come un brivido immenso.
Poi il vento
fa nascere un nuovo lamento.

Ogni tuo ricordo
è come un brivido immenso…

nonostante il tempo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...