Traslochi e faldoni

Standard

Ora quel che conta si deciderà da sé, chi ti nutre veramente, chi ti ha preso in giro…

In queste settimane sto facendo un lavoro immane (dalla tastiera mi stava scappando l’aggettivo “infame”, e forse non senza ragione): riordinare la mia stanza per decidere cosa portare nella nuova casa. Finalmente sto facendo quello che per alcuni anni ho solo valutato come eventualità remota: liberarmi dei faldoni in cui ho stipato il mio dottorato. Come se potesse essere semplicemente inscatolabile un’esperienza fatta di rancori e gioie, di sfide e sfighe.
Ad ogni modo, sono contenta di me: di aver sistematizzato la marea di fotocopie e appunti e prove di sfruttamento, allora; oggi, di aver concretamente messo mano all’opera di eliminazione. Mi torna dunque in mente questa canzone dei Perturbazione, da Del nostro tempo rubato del 2011 (anche se il titolo di questo post ironicamente echeggia la datatissima, ma forse più famosa, Balocchi e profumi). Istruzioni per l’uso fa eco alla mia attuale necessità di distinguere tra utile e dilettevole, tra necessario e accessorio – dove il primo dei due criteri non è sempre quello che mi fa decidere di conservare; semmai il contrario -: in breve tra cosa mi ha realmente “nutrito” e cosa (o chi) mi “ha preso in giro”.

Ora quel che conta è il trasloco a deciderlo, e non sai già più dove metterti!

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...